fbpx

Per quasi tutti i Proprietari di un immobile, l’Agente Immobiliare è bravo quando valuta il proprio immobile in maniera consona al loro pensiero, mentre non è bravo se ha valutato l’immobile con una bassa valutazione o, sempre secondo lui non ha messo in evidenza le caratteristiche positive, ma ha solo valutato gli aspetti negativi dell’immobile.

Le frasi che spesso gli Agenti Immobiliari che sentono dire: “A questa cifra potrei vendermelo da solo. Non ho bisogno di un Agente Immobiliare”, “Ma il mio vicino ha venduto ad una cifra più alta” o anche la variante “Se il mio vicino ha venduto a questa cifra, per il mio posso realizzare di più” ecc.

Ogni giorno l’Agente Immobiliare deve spesso avere a che fare con una vera e propria battaglia con un Proprietario perché spesso è convinto che la valutazione del suo immobile sia più alta di quella fatta dall’agente.

PERCHE’ IL PROPRIETARIO DI UN IMMOBILE DA SPESSO UNA VALUTAZIONE PIU’ ALTA DEL DOVUTO?

La risposta è semplice e si chiama AFFETTO.

L’immobile è un bene economico, dove per bene s’intende un oggetto (disponibile in quantità limitata, reperibile e utile) idoneo a soddisfare un bisogno ed economico invece, che è relativo all’economia e quindi alle sue leggi ovvero domanda, offerta e mercato.

La domanda è: “Si può provare un affetto così grande per un insieme di blocchi prefabbricati?”

L’affetto si può donare ad una persona,  ad un animale, ma anche a quell’immobile che per te significa sacrifici e lavoro di una vita passata a lavorare per riuscire a pagare le rate affinché diventasse una tua proprietà immobiliare.

Ecco perché venditore e compratore hanno idee diverse rispetto al valore dell’immobile e perché è importante ed utile la Professione dell’Agente Immobiliare: quest’ultimo cerca di dare una valutazione oggettiva al bene economico e non al bene affettivo.

Richiedi informazioni