CONSIGLI UTILI PER SCRIVERE IN MODO CORRETTA UN CONTRATTO COMMERCIALE TRANSITORIO.

Non tutti sanno che, come ad esempio gli affitti delle case vacanze è possibile, redigere contratti commerciali transitori. Sporadicamente li troviamo, però in alcuni casi sono davvero necessari.

COS’È IL CONTRATTO COMMERCIALE TRANSITORIO.

Prima di spiegare come redigere un buon contratto bisogna ricordare che che l’art. 27 della legge n. 392/78 indica che la durata minima di un contratto di locazione commerciale è sei oppure nove anni (locazione alberghiera o per attività teatrali), quindi ogni contratto deve indicare necessariamente questa durata minima.

“Il contratto di locazione può essere stipulato per un periodo più breve qualora l’attività esercitata o da esercitare nell’immobile abbia, per sua natura, carattere transitorio.”

Conseguentemente è possibile redigere contratti di locazione a breve durata, solamente a patto  che l’attività esercitata o da esercitare nell’immobile abbia, per sua natura, carattere transitorio.

COSA BISOGNA INDICARE NEL CONTRATTO COMMERCIALE TRANSITORIO?

  • indicare in maniera dattagliata le ragioni della transitorietà e devono essere tali da escludere il regime ordinario di locazione commerciale di durata 6+6 pena il decadimento della clausola stessa;
  • aggiornamento ISTAT massimo del 75%.

IL CANONE

Non ci sono vincoli in relazione al canone, che quindi è libero e definito dopo la trattativa economica.

Può comprendere anche oneri accessori, forfettizzato lungo il periodo della locazione transitoria oppure legato in percentuale agli incassi effettuati.

QUANDO USARE IL CONTRATTO COMMERCIALE TRANSITORIO.

Il carattere di temporaneità fa nascere l’esigenza di sottoscrivere contratti di questo tipo, in alternativa, per semplificare il lavoro si possono redigere i temporary shop, negozi di breve durata aperti per la vendita straordinaria di prodotti di lancio o a prezzi scontati, per una lavorazione temporanea oppure in caso di una ristrutturazione dell’immobile utilizzato che quindi fa sorgere la necessità di avere una location di appoggio.

 

fonte stefanotronca.com

Richiedi informazioni